Home Elettronica di consumo Caricabatterie wireless: guida all’acquisto

Caricabatterie wireless: guida all’acquisto

Caricabatterie wireless: guida all’acquisto
0

Nel corso degli ultimi anni, la tecnologia mobile ha visto l’introduzione di strumenti particolarmente sofisticati. La sempre maggior potenza degli smartphone ha portato a maggiori consumi in termini di batteria. Le aziende hanno quindi iniziato a progettare e a commercializzare in maniera massiccia i power bank, caricabatterie portatili particolarmente utili e facili da usare. Negli ultimi anni, però, si stanno affermando sul mercato anche i caricabatterie wireless, uno strumento prettamente casalingo (ma non solo) che ti tornerà molto utile durante l’arco della giornata. Soprattutto se ti trovi spesso fuori di casa. Ecco a te alcune consigli per la scelta di questo accessorio tecnologico.

Caricabatterie wireless: caratteristiche e tipologie

Innanzitutto devi sapere che i caricabatterie wireless funzionano grazie all’azione di un campo magnetico. O meglio, grazie al fenomeno dell’induzione: la base su cui va appoggiato lo smartphone (o il device da ricaricare wireless) produce un campo magnetico che trasmette carica all’apparecchio “ospitato”. In questo modo non c’è bisogno di connettere alcun cavo: basta che lo smartphone sia nei pressi della base, se non sopra di essa, per poter caricare con facilità.

Certo, il caricabatterie wireless deve essere a sua volta connesso via cavo ad una presa elettrica. Ma, se ci pensi bene, la comodità è garantita dalla facilità d’uso: basta infatti appoggiare lo smartphone sopra, ed il gioco è fatto.

Scopri anche:  Mouse: come scegliere il modello più adatto alle tue esigenze

caricabatterie wireless

Perchè acquistare un caricabatterie wireless?

Veniamo al dunque: perchè dovresti acquistare un caricabatterie wireless? Ecco a te un breve elenco delle principali comodità che ti può offrire.

  • Velocità nell’uso. Come già detto, una base di ricarica wireless non necessita di operazioni particolari. La base, infatti, va collegata alla corrente in un solo luogo, e resterà lì finchè vorrai. Tutto ciò che dovrai fare è poggiare il tuo device sopra alla base, ed al resto penserà la fisica, mediante l’induzione elettromagnetica.
  • Niente più cavi. Anche se può sembrare un pregio trascurabile, non avere più a che fare con i cavi è una questione di ottima praticità. Ciò deriva dal fatto che non avrai più bisogno di collegare, scollegare, sciogliere i nodi ai tuoi cavi riposti malamente nel cassetto.
  • Flessibilità nel luogo di posizione. I caricabatterie wireless sono perfetti per scrivanie, comodini e qualsiasi mobile. Se lavori spesso su una scrivania, una base di ricarica wireless non ti obbliga a dover montare una presa di corrente sul lato del mobile. Il lungo cavo energetico della base, infatti, ti permette di nasconderlo dietro alla scrivania, lasciando esposta solo la base e permettendoti di posizionarci semplicemente il device sopra.

Chiaramente, un caricabatterie wireless possiede delle ovvie limitazioni. Bada bene al fatto che non si tratta di un caricabatterie portatile, ma può essere utilizzato solo in un posto fisso. Un’altra limitazione da tenere sott’occhio riguarda l’utilizzo del device finchè é posizionato sulla base: ricorda che non puoi distanziarti troppo col terminale in mano, o l’influenza del campo magnetico non raggiungerà più il tuo device, spegnendo la ricarica.

Le tipologie di caricabatterie wireless | Guida all’acquisto

A dire il vero, esiste praticamente solo un tipo di caricabatterie wireless. In ogni caso è bene distinguere tre classi principali.

Caricabatterie wireless per specifiche marche

Sono i più diffusi e sponsorizzati dalle pubblicità. Come suggerisce il nome, essi sono progettati solo per singoli prodotti o singoli marchi. Chiaramente, a differenza della categoria che troverai al punto 2, offrono una totale integrazione con il device, più potenza e talvolta più funzionalità. Spesso sono costruiti in modi particolari, senza richiedere ad esempio “l’aggancio” dello smartphone alla dock, ma solo il posizionamento sopra ad essa.

Caricabatterie wireless di marca generica

Sono compatibili con più terminali, non necessitando quindi una particolare marca od un particolare modello di device. Tendenzialmente la qualità è leggermente inferiore, dal momento che non possiedono specifiche proprietà configurate ad-hoc per una singola serie di smartphone.

Caricabatterie wireless per automobile

Al fianco di quelli “domestici” esistono quelli da automobile, prodotti maggiormente per smartphone e telefoni vari. Solitamente di marca generica, e quindi compatibili con più prodotti, i caricabatterie wireless da auto sfruttano l’energia prodotta dal veicolo. Sono agganciabili mediante supporti magnetici. Il difetto principale è rappresentato dal fatto che, prendendo una buca, il contraccolpo potrebbe far sbalzare via lo smartphone, creando non poche scomodità.

caricabatterie wireless

Dovrai quindi scegliere in base alle tue disponibilità. Se prevedi di tenere a lungo un particolare device, opta per un caricabatterie wireless specifico per il tuo terminale/marchio; viceversa, se ti piace cambiare spesso, dovrai prendere in considerazione una base di ricarica di marchio generico.

caricabatterie wireless

Caricabatterie wireless: altri aspetti da tenere in considerazione

Se stai per acquistare un caricabatterie senza fili di marca generica, dovrai tener conto anche della marca in questione. Le marche più diffuse sono sicuramente AUKEY, Spigen e Belkin, ma puoi tenere in considerazione anche le altre.

I caricabatterie wireless sono progettati in diversi wattaggi: si passa dai 5 W per gli smartphone ad un massimo di 1 KW, utile ad esempio per qualche piccolo elettrodomestico di uso comune. Scegli in base alla potenza elettrica erogata, ma fai particolare attenzione a questo dettaglio: una potenza eccessiva per uno smartphone, ad esempio, può portare a gravi danni alla sua batteria, o a danni per surriscaldamento.

La maggioranza dei device in vendita oggi non dispongono nativamente di un caricabatterie wireless all’interno della scatola: dovrai quindi spendere dei soldi a parte. Tuttavia, se dovessi acquistare uno smartphone Nokia di recente produzione, molto probabilmente troverai dentro alla confezione una dock di ricarica senza fili.

Concludendo, tieni conto anche del prezzo. Come per molte scelte nel panorama informatico, prezzi elevati non significano obbligatoriamente qualità superiore, ma in molti casi bisogna ammettere che è così. Molto spesso il prezzo aumenta in base a funzionalità aggiuntive, allo stile più raffinato ed al modo in cui viene costruito il caricabatterie wireless: la scelta spetta solo a te, a seconda delle tue esigenze.

Caricabatterie wireless: guida all’acquisto
Media voto 5 - (100%) su un totale di 6 voti

Close